Google car, vettura a guida automona. Close-up Engineering
PH: meteoweb.eu

Vetture che si guidano da sole? Lo sviluppo delle tecnologie e dei sistemi di controllo stanno rendendo questo sogno sempre più vicino. Ma i problemi non sono pochi e non sono solo di natura ingegneristica. Le più grandi aziende del settore, infatti, devono risolvere problemi morali, o per lo meno trovare la soluzione ideale.
Anche il MIT si è interessato alla faccenda e ha creato così un test per sapere cosa ne pensano le persone comuni. Nel test bisogna scegliere chi salvare, e di conseguenza chi lasciar morire, nel caso in cui la vettura si trovi di fronte ad un ostacolo imprevisto e sia impossibilitata ad evitare un incidente.

Il test è a questo link, mentre noi qui sotto vi proponiamo alcuni scenari che si possono trovare sul sito.

Passeggeri vs Pedoni

In un primo caso bisogna decidere se salvare la vita di chi si trova sulla vettura o di chi attraversa la strada nell’altra corsia. È importante specificare che i pedoni sono nell’altra corsia, perché nel caso in cui non si riesca ad evitare l’incidente si può pensare di lasciare la situazione così com’è senza intervenire: le vittime saranno i passeggeri dell’auto.

Esempi:

Il test del MIT nel caso di incidente inevitabile di una vettura con guida autonoma. Close-up Engineering
PH: moralmachine.mit.edu

In un primo semplice esempio, sulla vettura un’atleta, mentre sulle strisce pedonali c’è una donna. Se non si interviene la vittima sarà la giovane atleta, ma potrebbe farci cambiare idea il fatto che la donna attraversi mentre il semaforo è rosso.

Non vengono risparmiati neanche gli animali: se alcuni gatti e cani sono sull’auto (dopotutto non devono guidare) mentre un uomo e una donna attraversano le strisce con il rosso, qual è la scelta migliore?

Il test del MIT nel caso di incidente inevitabile di una vettura con guida autonoma. Close-up Engineering
PH: moralmachine.mit.edu

Più difficile è quando chi attraversa le strisce pedonali lo fa rispettando le regole. Deve rimetterci chi si trova sull’auto con l’autopilota o deve essere “punito” chi segue la legge?

 

 

 

In un altro caso, i pedoni si trovano sulla corsia di marcia, dunque senza intervenire verrebbero salvati i passeggeri dell’auto.

Il test del MIT nel caso di incidente inevitabile di una vettura con guida autonoma. Close-up Engineering
PH: moralmachine.mit.edu

A piedi ci sono 5 persone: due bambini, un dirigente e due uomini. Sulla vettura 4 persone: un bambino, un dirigente e due uomini.

 

 

 

Pedoni vs Pedoni

Mettiamo ora che avete chiamato la vostra vettura autonoma per farvi venire a prendere e mentre lo fa si trova davanti due gruppi di pedoni nelle due corsie e deve decidere chi colpire. Cosa scegliereste?

Il test del MIT nel caso di incidente inevitabile di una vettura con guida autonoma. Close-up Engineering
PH: moralmachine.mit.edu

Da una parte 3 donne, di cui una incinta, dall’altra 3 senzatetto. Chi dovrebbe subire il triste destino?
Cambierebbe qualcosa se le donne stessero attraversando con il semaforo rosso mentre i senzatetto rispettassero le regole?

Altri casi possono essere: meglio colpire un vecchio o un giovane? Un bambino o un adulto? Una donna o un uomo?

Può sembrare inutile analizzare queste diverse situazioni, ma le grandi aziende le tengono molto in considerazione nello sviluppo dell’autopilota. Dalle risposte date emergono infatti profili di persone che hanno una maggiore possibilità di essere vittima di un incidente con un auto a guida autonoma.

 

Le risposte al test degli utenti

Dai risultati dei test è possibile individuare chi, secondo gli utenti, dovrebbe essere salvato a discapito degli altri. È un risultato da tenere in considerazione perché in futuro potrà essere integrato nell’intelligenza artificiale delle vetture.

Sono 9 i parametri di cui i ricercatori del MIT tengono conto. E i dati mostrano che:

  1. Più sono numerose le persone che rischiano la vita, più si cerca di salvarle
  2. Non è importante se ci si trova a bordo della vettura o a piedi sulle strisce
  3. Viene preferito chi rispetta i semafori
  4. Non cambia molto il fatto che bisogna, o meno, cambiare corsia
  5. Vengono maggiormente salvate le donne, ma senza un grosso margine dagli uomini
  6. Vengono preferiti gli esseri umani agli animali
  7. I giovani sono più al sicuro
  8. Non importa se si è atletici o in carne
  9. Sono stati salvati più spesso le persone di alto ceto sociale (dottori, dirigenti, ecc.) a discapito di senzatetto e criminali

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteAmbient Intelligence: nuove soluzioni dal PoliTo
Prossimo articoloI robot impareranno l’uno dall’altro
Terminati gli studi al Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate, si iscrive all'Università di Bologna alla facoltà di Ingegneria dell'Automazione. Le sue più grandi passioni sono la robotica e l’informatica, come le nuove tecnologie in generale. Per tenersi informato e informare gli altri, nel 2015 entra nel team di Close-up Engineering dove cura il settore di ingegneria informatica e dell’automazione.

LASCIA UN COMMENTO