Apple fino ad oggi non si è intromessa negli gli affari di Facebook (con il suo Oculus) e Valve (con il suo HTC) sulla Realtà Virtuale. A breve, sarebbe già arrivato uno scossone, con l’arrivo di un altro dispositivo di un colosso tech: PlayStation VR della Sony.
Ma ecco che in questi giorni, Apple si è lanciata sul mercato della Realtà Virtuale, con un nuovo brevetto che ha sorpreso un po’ tutti.

Wireless VR Headset

Il brevetto prevede un Head-Mounted Display Wireless per Realtà Virtuale, che consentirebbe il collegamento con un qualsiasi iPhone. L’iPhone potrà anche essere inserito all’interno dell’headset e collegato tramite cavo. L’headset avrà anche un sistema headphones integrato.

Apple Realtà Virtuale Headset Wireless

Il tutto, sembra volto a creare un headset molto simile al Samsung Gear VR, che consentirebbe una completa interazione tra due dispositivi ben distinti, a differenza ad esempio del Google Cardboard. Proprio questa diretta interazione tra i due dispositivi sarebbe la parte fondamentale del brevetto.
La comunicazione consentirà lo scambio di informazioni tra dispositivo e headset, per poter distribuire le funzionalità tra i due, ed evitare ridondanze.

I brevetti secondo Apple (e tanti altri)

Un brevetto simile, non ha in realtà quasi alcun impatto sul mercato. Aziende come Apple hanno dipartimenti di R&D talmente produttivi e creativi che è difficile dare davvero valore ad ogni idea che viene messa su carta.
Ancor prima che un’idea venga sviluppata, se n’è già pensata un’altra. E proprio questa precarietà, rende certi brevetti molto poco influenti.
Ognuno ha paura di avere in mano l’idea più innovativa del momento e non accorgersene, e quindi vengono brevettati anche sistemi che in realtà non sembrano essere poi così eclatanti.
A differenza ad esempio della Disney, che poche settimane fa ha brevettato le spade laser per la sua Star Wars Land.

Questa tendenza è da un lato positiva, in quanto crea una certa competitività in ambito Hi-Tech, che c’è sempre stata, ma mai così forte.
Dall’altro è negativa, perchè produce disorientamento sia per i consumatori, sia per gli investitori.

Un cliente Apple, cosa dovrebbe fare in questo momento, se volesse avvicinarsi al mondo della realtà Virtuale? Aspettare un prodotto Apple che non si sa quando arriverà, o comprare un’alternativa non Apple?

Quindi, Apple?

Quindi, l’Apple ci sta dicendo a gran voce che è presente anche lei nel mondo della Realtà Virtuale. E che non ha cambiato ancora la sua direzione principale: interconnettere i propri dispositivi tra di loro e renderli non compatibili con altri dispositivi.
Volete usare un Headset Apple? Comprate un iPhone.
Potremo quindi avere a breve un nuovo dispositivo per la realtà virtuale, o potremmo averlo fra anni.
Per ora, possiamo tornare ad ammirare il brevetto della Disney. 

 

LASCIA UN COMMENTO