“Un balzo in avanti per iPhone. Un salto nel futuro per iPad.” Così ha definito Apple la nuova versione del celebre sistema operativo per smartphone e tablet dell’azienda di Cupertino. iOS 11 è uscito lo scorso 19 settembre e promette di moltiplicare le capacità del suo predecesore, soprattutto quelle per la realtà aumentata nei giochi e nelle applicazioni.

Dispositivi sui quali sarà disponibile iOS 11. credits: www.apple.com/it/

Novità per iPad:

App File: Finalmente è stata introdotta un’applicazione che permette di immagazzinare, cercare e organizzare nel miglior modo file di diversi tipi. Si possono visualizzare inoltre anche gli archivi presenti in altre app come iCloud Drive, Dopbox e Box.

Un nuovo Dock: È stato inserito anche un Dock personalizzabile in basso, simile a quello presente nel macOS, e che basta sfiorare per passare rapidamente da un’app a un’altra. A destra sono mostrate le app aperte di recente.

iOS 11 è anche multitasking: Mentre si usa un’app, si può aprire un’altra direttamente dal Dock ed entrambe resteranno attive e condivideranno lo schermo sia in Slider Over che in Split View.

“Drag and drop”: Non manca l’opzione di “trascina e fai cadere” tramite la quale si possono spostare testi, foto e file da un’app a un’altra, trascinandoli in modo intuitivo con le dita.

Modalità “Drag and drop”. Credits: www.apple.com/it/

Apple Pencil “più versatile e potente”: L’Apple Pencil può essere usata come una normale matita con la quale si possono prendere appunti, disegnare, lavorare e perfino scrivere commenti su un PDF o uno screenshot. Basta un tocco sulla schermata di blocco con l’Apple Pencil che compare in automatico l’app Note. Insomma, si può usare il proprio iPad come un normale foglio di carta.

App Note più pratica: Arriva la funzione Scansione che permette di riconoscere e acquisire documenti, modificarli, compilarli e perfino firmarli.

Tastiera QuickType: Tutti i caratteri (lettere, numeri, simboli e punteggiatura) si trovano sulla stessa tastiera. Basta scorrere il tasto verso il basso per visualizzare le opzioni e scegliere quella voluta. Questa tastiera è stata pensata con lo scopo di farci scrivere in modo sempre più veloce.

Novità per iPhone:

Foto e Live Photos: Sono stati introdotti dei nuovi filtri per le foto tradizionali mentre le Live Photos sono diventate più “vive” che mai grazie a tre opzioni:

Loop: Trasforma una foto live in un loop video. L’app Foto può suggerire quelle più adatte oppure si potrà scegliere quella che si preferisce.

Rimbalzo: Permette di vedere l’azione in avanti per poi ritornare al punto iniziale.

Esposizione lunga: Consente di ottenere l’effetto “scia di luce” possibile finora solo con una reflex digitale.

App Store: Il punto centrale dell’aggiornamento sarà un App Store tutto rinnovato, che propone quotidianamente dei consigli selezionati dagli esperti Apple sulle tendenze mondiali, così come una sezione dedicata ai giochi e alla scoperta di nuove app. La presentazione è stata arricchita da video e immagini iterative. Sono presenti molte più recensioni degli utenti, così come consigli sulle applicazione già presenti sul dispositivo.

Il nuovo “look” dell’App Store. Credits: www.apple.com/it/

L’app Messaggi si presenta in modo completamente diverso: Nel nuovo menù si possono scegliere adesivi, emoji e giochi che si potranno inviare ai propri contatti.

Siri: “L’assistente virtuale più popolare al mondo”, è diventata molto più naturale grazie alle tecniche di apprendimento automatico e di intelligenza artificiale.

Apple Music funge da piccolo social network simile a Spotify: si potranno consultare i profili personali degli amici per scoprire le loro playlist e le stazioni radio più ascoltate.

AirPlay 2 permette di controllare l’impianto audio di tutta la casa: Si possono, infatti, impostare canzoni diverse in ogni stanza, così come modificare il volume.

La schermata di blocco contiene ora tutte le notifiche perse: Scorrendo verso l’altro si possono visualizzare anche quelle dei giorni precedenti

QuickType: Senza dubbio una delle funzioni più comode. Quando si ha una mano occupata, si può scegliere la digitazione con una sola mano e la tastiera si avvicina al pollice disponibile.

Funzione QuickType. Credits: www.apple.com/it/

“Non disturbare” mentre si è alla guida: L’iPhone sarà in grado di capire quando si è alla guida e quindi attiva in automatico la modalità “Non disturbare”. Chi manderà un messaggio riceverà una notifica e saprà che la persona cercata sta guidando. Sarà da verificare la vera efficacia di questa funzione, soprattutto se potrà aiutare a evitare eventuali incidenti stradali.

Mappe non solo mostra la strada: Permette anche di visualizzare le piantine di centinaia di aeroporti e centri commerciali.

Setup automatico: Per l’impostazione di un nuovo iPhone o iPad , esso può essere avvicinato all’attuale dispositivo per accedere automaticamente con l’ID Apple e così trasferire all’istante le impostazioni e i dati personali presenti nel vecchio dispositivo iOS su quello nuovo.

Il Centro di Controllo potrà essere personalizzato a piacimento in modo di avere a portata di mano le app più usate.

Fonte: www.apple.com/it/

I primi problemi riscontrati:

Nuovo Centro di Controllo di iOS 11. Credits: http://www.ispazio.net

Sui principali social network sono arrivate le prime segnalazioni da parte degli utenti che hanno già installato il software (appena il 10% dei possessori di dispositivi iOS l’ha fatto) riguardo le modalità di spegnimento di Wi-Fi e Bluetooth.

Sembrerebbe che disabilitando le icone sul nuovo Centro di Controllo, le antenne non si disconnetterebbero del tutto. Questo “bug” o “azione voluta da Apple” lascia perplessi alcuni esperti di sicurezza perché, oltre ad aumentare il consumo inutile della batteria, queste antenne sono delle vere e proprie porte aperte per gli hackers. Dopo queste preoccupazioni non tarderà sicuramente ad arrivare un successivo aggiornamento che porrà rimedio a tali problemi.

Nonostante le nuove caratteristiche di questo sistema operativo, nato nove anni fa, secondo dati preliminari della compagnia Mixpanel, iOS 11 registrerebbe al momento un tasso più basso di adozione rispetto al passato: a 24 ore dal lancio risultava installato sul 10% dei dispositivi, lo scorso anno per iOS 10 la percentuale era stata quasi del 15%.

 

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO