Pensa a qualsiasi funzione, qualsiasi dispositivo, che potrebbe servire al tuo smartphone. EVO ce l’ha. Da una compagnia canadese, Team Evolu2ion, arriva il perfetto compagno del nostro smartphone, tutto quello che ci potrebbe servire fuori e dentro casa in un dispositivo grande pochi centimetri.

Tutto quello che può fare

Ma andiamo con ordine, anche se con tutte le caratteristiche che rendono EVO speciale è difficile trovare un ordine.

Innanzi tutto, EVO è un lettore di schede SD, quindi una memoria esterna aggiuntiva, ed è anche una batteria portatile. Chiunque abbia uno smartphone sa quant’è difficile “risparmiare” energia per mantenere il dispositivo acceso tutto il giorno e per questo molti hanno già inserito una batteria portatile nella lista di oggetti da portare in un viaggio. E fin qua niente di innovativo.
Se si ha a disposizione una presa, si può usare EVO come cavo per attaccare lo smartphone, quindi ci servirà un oggetto in meno. Mentre è in carica non sapete dove appoggiare il vostro telefono? Il nuovo compagno del vostro smartphone lo può sostenere, e può svolgere la stessa funzione anche quando volete guardare video, immagini, ecc.

EVO mentre sostiene lo smartphone. Close-up Engineering
Source: kickstarter.com

Ora qualche caratteristica più interessante:
EVO è collegato via bluetooth al nostro smartphone, cosa che unita ai 3 pulsanti sul dispositivo e all’app dedicata ci semplifica notevolmente diverse operazioni. I tre pulsanti sono facilmente programmabili a seconda della nostra esigenza. Possono ad esempio essere utilizzati per riprodurre e gestire la musica, scattare foto o far suonare il nostro smartphone quando non sappiamo dove lo abbiamo messo. Viceversa, dall’applicazione possiamo far suonare EVO per trovare le chiavi che gli avevamo in precedenza attaccato.
Se invece semplicemente dimenticate di prendere lo smartphone, il piccolo apparecchio ve lo ricorderà.

Tanti accessori in un solo dispositivo e tante funzioni eseguibili facilmente e velocemente. EVO può davvero essere il compagno ideale per i nostri smartphone.

CONDIVIDI
Articolo precedenteAlphaGo: La nuova Intelligenza Artificiale di Google vince a Go
Prossimo articoloTelegramBot Come crearli senza scrivere codice
Terminati gli studi al Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate, si iscrive all'Università di Bologna alla facoltà di Ingegneria dell'Automazione. Le sue più grandi passioni sono la robotica e l’informatica, come le nuove tecnologie in generale. Per tenersi informato e informare gli altri, nel 2015 entra nel team di Close-up Engineering dove cura il settore di ingegneria informatica e dell’automazione.

LASCIA UN COMMENTO